Il fondo “Movimento di opposizione. Napoli: 1967-1972”

Nota introduttiva a “la Sinistra Universitaria”

La Sinistra Universitaria (SU) nasce nel corso del 1967 dalla confluenza di tre differenti tipi di figure:

  • studenti già politicizzati che hanno fatto precedenti esperienze nelle organizzazioni giovanili dei partiti di sinistra, o in gruppi politici di estrema sinistra (trozkisti, bordighisti, ..), o in organizzazione antimilitariste (come la Campagna per il Disarmo Nucleare), o nei movimenti anti-imperialisti (campagne contro l’aggressione Vietnam, ..), o, ancora, giovani che hanno fatte esperienze di militanza in organizzazioni di base cattoliche;
  • studenti che non hanno precedenti esperienze politiche, ma che si vanno rapidamente politicizzando nell’impatto con una università anacronistica, proprietà delle grandi baronie accademiche, e stutturalmente inadeguata a far fronte alla rapida crescita della popolazione studentesca;
  • borsisti e un piccolo numero di giovani docenti subalterni (assistenti e professori incaricati, soprattutto delle facoltà di Scienze e di Lettere e Filosofia) che costituiranno un ponte importante tra le prime due componenti studentesche e tutti gli aspetti della vita universitaria che vanno oltre la didattica ed i corsi - gli equilibri di potere nelle facoltà e nel senato accademico, i progetti di ampliamento delle sedi universitarie, le prospettive politico-culturali dei vari gruppi del corpo accademico. Questa terza componente, che include alcune figure di rilievo come Ennio Galzenati e Emilio Del Giudice, entrambi fisici, avrà anche un’importanza determinante negli orientamenti politici generali dell'organizzazione.

L’interazione tra rappresentanti degli studenti e organizzazioni dei docenti subalterni (assistenti e professori incaricati) è precedente alla nascita della SU; prende le mosse già dal 1964. L’università di Napoli sta provando ad ampliare le sue strutture, e lo fa in puro stile baronale e speculativo - la costruzione di un secondo policlinico, attorno al quale si muovono interessi di vario genere che nulla hanno a che fare con una migliore università. Per queste prime fasi dello scontro tra rappresentanze studentesche tradizionali e docenti subalterni da un lato e corpo accademico dall’altro si può fare riferimento al libro Alfonso Maria Liquori. Il risveglio scientifico negli anni ’60 a Napoli, di P. Greco, L.Mazzarella, G. Barone - in particolare al capitolo “Le ragioni del ’68 napoletano”. Un altro fattore critico di questi anni è il tentativo, da parte di alcuni docenti di materie scientifiche di elevata qualificazione professionale, di costruire a Napoli un’area di ricerca ad alto livello. In questo caso le critiche che vengono mosse dagli oppositori riguardano le ricadute di questo progetto sull’università; in particolare viene sottolineato il pericolo dell’esportazione della ricerca fuori del circuito accademico. La nuova aerea di ricerca, invece di produrre ricadute positive sulla vita universitaria e sulla qualità dell’insegnamento, ne impoverirebbe in realtà il livello. ‘Unità tra didattica e ricerca’ sarà in questi anni una delle parole d’ordine più popolari del movimento studentesco napoletano e della SU. Polemica quindi contro le vecchie baronie familistiche, ma anche polemica contro i cosiddetti innovatori che perseguono un progetto elitario di ammodernamento, e che, a questo scopo, sono pronti a mediare, ogni volta che occorre, con i gruppi conservatori. La SU manterrà con molta determinazione, attraverso tutto l’arco delle sue esperienze, questa doppia linea di contestazione nei confronti del vecchio e delle posizioni modernizzatrici di gruppi della sinistra che sono funzionali ai nuovi interessi capitalistici – in particolare un'opposizone netta a tutte le forme di cogestione. Di qui le polemiche contro i tre livelli di laurea del piano Gui, ecc.. Sulla scia di numerose assemblee (dicembre 1966) e lunghe occupazioni (15 giorni a febbraio 1967 e, di nuovo, ad aprile) si forma all’interno dell’UGI un gruppo di studenti e giovani laureati che rifiutano le scelte della direzione di questa organizzazione. L’UGI è espressione dei partiti politici della sinistra; le sue scelte politiche subordinano le lotte universitarie alle esigenze e agli andamenti delle vicende parlamentari e alle logiche nazionali dei partiti. In occasione del congresso napoletano dell’UGI, tenuto a maggio 1967, il gruppo dissidente presenta una mozione che non riuscirà a far approvare - la direzione dell’UGI ha organizzato pullman che portano facce sconosciute da varie cittadine della provincia napoletana. La votazione termina con 113 voti per le burocrazie di partito e 87 voti per l’opposizione. Nello scontro di maggio il gruppo dissidente perde, ma si costituisce come corrente autonoma all’interno dell’UGI ed inizia una intensa attività di propaganda. Di fatto agisce come gruppo autonomo - formalizza questa scelta a fine 1967. Nei mesi autunnali del 1967, i gruppi filo-cinesi, trozkisti e sindacalizzatori, inizialmente presenti nel fronte di opposizione alla direzione dell’UGI, dopo una serie di polemiche interne, si allontano dalla SU, che sta assumendo posizioni dichiaratamente leniniste. Forte politicizzazione da un lato e battaglie universitarie contro lo strapotere e la corruzione baronale dall’altro si mantengono, almeno agli inizi, in relativo equilibrio: sono rifiutate sia le posizioni di puro sindacalismo universitario sia l’iperpoliticizzazione che rifiuta le lotte specificamente universitarie e rimanda tutto ai grandi scontri internazionali, ai quali le lotte nei singoli settori della società devono essere subordinate. La SU diventa rapidamente l’organizzazione egemone alla ‘centrale’ (la sede delle facoltà umanistiche e di alcuni istituti scientifici) e nelle facoltà scientifiche. Nasce una Sinistra Universitaria in un’altra università napoletana – l’Istituto Universitario Orientale. L’elenco dei militanti presenti ad una assemblea interna della SU, contenuto nell’archivio cartaceo, registra 82 membri. La SU stabilisce contatti con altri gruppi nazionali. Alcuni suoi militanti si trasferiscono a Roma e a Milano per provare a dar vita ad organizzazioni parallele e per mantenere i contatti con alcuni gruppi di queste città. I documenti raccolti in questa sezione coprono un arco temporale che va dal 1967 alla fine del 1971. Includono ciclostilati, a firma della SU, destinati alla diffusione, mozioni e documenti approvati dalle assemble di facoltà o in assemblee generali (presentati da militanti della SU), documenti interni dell’organizzazione, relazioni di gruppi di studio, testi relativi ad iniziative promosse fuori dell’università. Nell’arco degli anni di vita della SU, un evento che costituisce un punto di svolta è l’incendio della sede del movimento studentesco. Mazzieri fascisti, organizzati dal deputato del MSI Caradonna, a fine gennaio 1969 incendiano un gruppo di aule che a Lettere e Filosofia sono diventate sede del movimento studentesco (una replica dell’attacco condotto dagli stessi personaggi a Roma l’anno precedente). Inizia un lungo periodo di scontri fisici con i fascisti nell’università e davanti alle scuole medie superiori. Una notevole parte delle energie della SU viene assorbita dall’organizzazione dei servizi d’ordine. Il critico anno 1969 si conclude con le bombe di Piazza Fontana. L’incendio della sede, gli scontri quotidiani con le ronde fasciste, le bombe che, fanno saltare in aria donne, uomini e movimenti di protesta, alzano, come si suol dire, il livello dello scontro. In realtà l’abbassano. Lo sforzo necessario a respingere la violenza fascista rischia di spingere il movimento in un angolo, di ridurre la sua azione ad una pura lotta antifascista. Nascono tensioni interne alla SU mentre il movimento si spegne. Nel 1972 l’organizzazione è praticamente dissolta, anche se proseguono varie altre iniziative nate intorno alla SU (come la fondazione della casa editrice Thelema). Gli ultimi documenti della sezione SU sono studi di economia. Un gruppetto consistente di membri della SU si è trasferito a Modena, dove insegna Michele Salvati, per studiare economia. Altri membri della SU, che si sono trasferiti a Roma e in città del nord per stabilire una rete nazionale di rapporti, continuano i loro studi e trovano poi lavoro in queste città. Una parte consistente degli appartenenti alla SU, conclusi gli studi universitari, entra nell’università e negli istituti di ricerca. Questi percorsi non sono sempre lineari: un certo numero, conclusi gli studi nelle facoltà scientifiche, ‘prosegue’ in direzioni del tutto differenti, nel mondo umanistico. Altri trovano impiego nella pubblica amministrazione o diventano giornalisti. Tra i più giovani, e tra i membri della Sinistra Studenti Medi, la varietà dei percorsi è molto più forte. Accanto a quelli che proseguono all’interno delle istituzioni accademiche c’è chi prende la strada degli stati di coscienza alterati, chi avvia piccole o minime attività di imprenditore, un ristretto gruppetto entra nei NAP (Nuclei Armati Proletari), altri sono tra i fondatori dell’esperienza di Macondo a Milano, alcuni finiscono in gruppi di destra, … .

1967.00.00 Basta con la speculazione! 1 senza firma e senza data. Incompleto.
1967.02.06 fascicoletto contenente varie mozioni del febbraio 1967 17
1967.05.27 Progetto di risoluzione politica del congresso U.G.I ( Napoli) 1
1967.06.00a Università, scuola e sviluppo economico 2 documento dell'UGI approvato dopo la vittoria dei gruppi di opposizione interni all'UGI. senza data
1967.07.00 Sinistra Universitaria. Luglio 1967. Bollettino della sinistra universitaria dell'Unione Goliardica Italiana 10
1967.08.00 La Sinistra Universitaria. Agosto 1967. Bollettino della sinistra universitaria dell'Unione Goliardica Italiana 14
1967.10.00a Oggi tutti all'assemblea generale delle 10:30 1 volantino di convocazione dell'assemblea del 21 ottobre (?)
1967.10.00b La Sinistra Universitaria. Settembre Ottobre 1967. Bollettino della sinistra universitaria dell'Unione Goliardica Italiana 12
1967.10.21a L'insegnamento di "Che" Guevara. 1
1967.10.21b Dichiarazione di lotta dei rivoluzionari boliviani 5
1967.12.12 Insegnamenti delle lotte universitarie e prospettive per il futuro 2
1967.12.13 Mozione dell'assemblea generale unitaria del 13/12/1967 1 mozione presentata dalla SU
1967.12.14 Studenti, Cittadini, 1
1967.12. 00 Insegnamenti di una vittoria 1 fine dicembre
1968.00.00 " … il movimento studentesco di opposizione nelle università italiane … " 45 documento E. sul m.s. - base SU
1968.01.00a Dichiarazione programmatica degli aderenti alla Sinistra Universitaria 3
1968.01.00b Norme statutarie della Sinistra Universitaria 4
1968.02.03 Perché i Vietcong stanno vincendo 2
1968.02.08 Gli obiettivi della nostra lotta 2
1968.02.09 Lotte studentesche ed occupazioni padronali 2
1968.02.10 Proposte politiche. Bollettino della Sinistra Universitaria. gennaio-febbraio 1968 11
1968.02.12 Che cosa dobbiamo fare 2 programma di dibattiti e controcorsi
1968.02.14 Assemblea studenti di Medicina. Il connubio DelTorto-Orun primo significativo esempio di Comitato Paritetico 1
1968.02.18 Mozioni approvate nelle varie facoltà durante il periodo delle agitazioni (febbraio 1968) 12
1968.02.21 Bilancio di una occupazione guidata dall'alto 2
1968.03.00 Elementi dell'economia marxista. Pubblicati sul "Prometeo". Febbraio 1947-Febbraio 1950 84
1968.03.02 Lo Stato borghese ha colpito ancora !!! 1
1968.03.04 Fuori la polizia e i fascisti 1 Centro Guevara, Circolo Universitario Comunista, Sinistra di Architettura, Sinistra Universitaria, UGI
1968.03.09 Documenti della Sinistra Universitaria 29
1968.03.19 Relazione sull'organizzazione presentata dall'Ufficio Politico all'assemblea della SU del 19/3/1968 4
1968.05.00 Bollettino della Sinistra Universitaria. Maggio 1968 14
1968.05.05 Bollettino della Sinistra Universitaria dedicato ai fatti di Francia 13
1968.06.15 Università 1968. Scritti e documenti della Sinistra Universitaria di Napoli 44
1968.09.09 EG … intervento di 'saluto' ad una riunione dei militanti della Sinistra Universitaria …. 6
1968.10.00a Sinistra Universitaria. Ottobre 1968. Bollettino della Sinistra Universitaria di Napoli 17
1968.10.00b Cosa succede nell'università e perché 7
1968.11.00 L'università nei paesi a capitalismo avanzato 10 documento interno
1968.11.9 L'ennesimo disperato tentativo di rilancio dell'ORUN 3
1968.11.12 Difendiamoci dai "rappresentanti" degli studenti 1
1968.11.18 Un primo passo verso l'organizzazione del movimento studentesco 1
1968.11.20 Verso l'organizzazione del movimento studentesco 1
1968.11.23a Documento sulle questioni organizzative 3 documento interno
1968.11.23b Norme statutarie della Sinistra Universitaria 3 nuova versione
1968.12.04 Lo Stato capitalistico contro le masse 1
1968.12.05a I nostri compiti 2
1968.12.05b Polizia e fascisti lottano insieme 1
1968.12.08a Perché studiare Lenin 10 documento interno
1968.12.08b Le due tattiche 5 a cura della commiss piano di studi
1968.12.10 Chi possiede l'università 1
1968.12.11a Tutti all'assemblea generale 1
1968.12.11b All'assemblea generale ORUN - ANAU - ANPUI .. 1
1968.12.00 ".. il movimento studentesco napoletano è riuscito a svilupparsi…." 8 E.G … sul movimento studentesco nazionale e quello napoletano
1969.01.23 Studenti, cittadini, operai 1
1969.01.29 Finalità di una lotta politica 1
1969.01.30 Primo bilancio di un'esperienza di lotta 1
1969.02.00 Esperienze di lotta politica del movimento studentesco a Napoli - numero unico 31
1969.03.00a Lotta all' "imperialismo fase suprema del capitalismo" 2
1969.03.10 Tutti all'università centrale 1
1969.03.00b Accordo al governo: polizia all'università 1
1969.03.00c Documento politico elaborato dalla Sinistra Universitaria Orientale 7
1969.03.25 Riforma dell'università: situazione politico-economica e indicazioni di lotta 9
1969.03.26 Riforme dell'università e manovre di potere 2
1969.04.01 Ruolo delle lotte politiche. La sede del movimento studentesco 4
1969.04.18 Schema generale di discussione degli ultimi direttivi 1 documento interno
1969.05.14 … sulle trasformazioni dell'università … 2
1969.07.00 Breve quadro della situazione universitaria ed esperienze del movimento studentesco 11
1969.11.11 Lotte politiche e repressione poliziesca 1
1969.12.00 L'indagine parlamentare sull'università e la risposta politica del movimento studentesco 6 incompleto
1970.01.06 Coscienza rivoluzionaria e lotta antimperialista 2
1970.02.18 Lenin geniale costruttore di storia. 4 annuncio del primo controcorso
1970.03.00 Bollettino della Sinistra Universitaria. N.1 24 (marzo ?)
1970.04.15 Bollettino della Sinistra Universitaria. N.2 46
1970.04.22 Perché Lenin 31
1970.05.08 Studiare, lottare, opporsi all'imperialismo 1
1970.06.15 Bollettino della Sinistra Universitaria. N.3 65
1970.09.23 Pieno appoggio alle lotte rivoluzionarie e popolari del "terzo mondo"; Sviluppo delle forze rivoluzionarie nei paesi avanzati 21
1970.10.00a Perché l'università è in lotta. 7
1970.10.00b Documento introduttivo alla seconda parte dello studio di Politica internazionale: il mondo "orientale". 10 "Strettamente interno"
1970.10.00c Congresso UGI 1967 10
1970.12.14 Per il capitale va bene qualunque ordine, anche quello di un cimitero. 1
1971.02.00 Sviluppi della lotta di classe in Cina 11
1971.02.27 Documenti nn.1 e 2 : Contributo al dibattito interno sulla situazione generale di movimento nel settore degli studenti medi. Alcune riflessioni di fondo. 23 firmati: Alcuni militanti della S.U.
1971.05.01 Il I Maggio e la lotta di classe 1 Collettivo di lavoro operaio Sinistra Universitaria
1971.05.31 intervento di F.P. nell'Ufficio Politico sul materialismo storico 11
1971.00.00 Relazione introduttiva allo studio del gruppo economisti 20 autunno 1971 ?

NEWS


Martedí 16 Dicembre ore 16:30-19:00
Roberto Aiardi e Ilic Aiardi
presentano il loro libro
Storie di Resistenza a Pistoia
La vicenda del comandante partigiano Silvano Fedi
Sará presente Bruno Fedi, fratello di Silvano

Collana I QUADERNI DELL'ITALIA ANTIMODERATA
E' uscito un nuovo quaderno: Antonio Schina BRUNO BORGHI Il prete operaio
Prefazione di Marta Margotti

Ultimi numeri dei Notiziari


252

251

250


Ogni fascicolo costa euro 5,00 - Versamenti sul ccp 12386512 oppure su ccb IBAN IT65X0626013800000324969C00 intestato al Centro di Documentazione con la causale. Abbonamento 2014 al Notiziario euro 20,00 per i privati, euro 30,00 per enti, biblioteche, associazioni, estero e sostenitori.

Il 5 per mille al Centro Documentazione di Pistoia

A tutti i soci, gli abbonati, i lettori, gli amici
La Finanziaria ha riconfermato la possibilità per i singoli contribuenti di destinare il 5 per mille della propria IRPEF direttamente all'Associazione Centro di Documentazione di Pistoia con la dichiarazione dei redditi del 2016. Tale possibilità permette al Centro di ottenere finanziamenti che non vengono accordati in altro modo dalle istituzioni pubbliche.
Destinando al Centro il tuo 5 per mille contribuirai a realizzare le iniziative della Associazione.

Come si deve fare?
Basta apporre la propria firma nell'apposito spazio della dichiarazione dei redditi - là dove si prevede il sostegno delle organizzazioni senza fini di lucro - e indicando nello spazio sottostante la nostra partita IVA 01271720474.
Per ulteriori informazioni:
Centro di documentazione
Via Sandro Pertini s.n.c.
51100 Pistoia

tel.0573 371785
fax 0573 371780
Siamo aperti dalle ore 15 alle ore 19 da lunedí a venerdí
Ci potete trovare quasi sempre anche al mattino dalle 10 alle 12

Associazione Centro Documentazione di Pistoia

Via Pertini, snc 51100 Pistoia, area ex breda
Tel: 0573 371785 - Fax: 0573 371780
p. I.V.A. 01271720474 - c.c.p. : 12386512
codice iban IT65X0626013800000324969C00
E-Mail : giorlima@tin.it - cdp@comune.pistoia.it
©2009